Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Spesso trascurato nell'analisi artistica e culturale, l'arte della pittura orientalista ha in realtà avuto un impatto significativo sulla percezione europea dell'Africa e del Medio Oriente. Questo stile di pittura, che ha avuto le sue radici alla fine del XVIII secolo e perdurò fino all'inizio del XX secolo, è una testimonianza preziosa del dialogo culturale e artistico tra Oriente e Occidente.

Nonostante non fosse un vero e proprio movimento artistico strutturato, la pittura orientalista ha avuto un'influenza notevole sul panorama artistico dell'epoca, esistendo parallelamente ad altre correnti artistiche, ma restando distinta da esse. Questo articolo mira a fare luce su questa corrente artistica affascinante e ingiustamente sottovalutata.

Zampighi Eugenio (1859-1944): Scena araba

Origini della Pittura Orientalista

L'arte orientalista ha le sue origini nell'epoca della spedizione militare in Egitto voluta da Napoleone nel 1798. Al seguito delle truppe, un gruppo di esploratori, botanici, zoologi, archeologi e disegnatori furono incaricati di studiare il territorio in un modo che forse non era mai stato fatto prima. Questo periodo segna la nascita di un genere di pittura che successivamente avrebbe incluso anche fotografia, con l'invenzione di questa tecnologia.

Uberto Dell'Orto (1848-1895): Mercato arabo

L'impronta dell'Orientalismo nell'Arte

Diverse correnti artistiche, dal Romanticismo all'Impressionismo fino all'Accademismo, hanno ospitato autori che hanno espresso temi orientalisti nelle loro opere. Nonostante la diversità stilistica, la pittura orientalista è accomunata dal suo fascino per l'esotico, l'esoterico e la sensualità lontana dalle convenzioni borghesi del tempo.

Alcuni artisti orientalisti, simili allo scrittore Emilio Salgari, hanno scelto di rimanere nel comfort dei loro studi, dipingendo paesaggi esotici basati sui resoconti di esploratori. Queste opere offrivano al pubblico un viaggio immaginario in terre lontane, un'esperienza paragonabile ai moderni documentari sui luoghi remoti.

Vincenzo Marinelli (1819/1820-1892): Ballo dell'ape nell'harem

Libertà Erotica nell'Arte Orientalista

Un aspetto significativo e spesso sottovalutato della pittura orientalista riguarda la rappresentazione dell'erotismo. L'arte orientalista, infatti, offriva ai pittori una sorta di "permesso culturale" per esplorare e rappresentare temi e scene erotiche in modo più liberale rispetto a quanto permesso dalle rigide convenzioni dell'arte europea dell'epoca.

Questo filone artistico consentiva di rappresentare la sensualità e il desiderio in modi che avrebbero potuto essere considerati scandalosi o addirittura immorali se dipinti in un contesto occidentale. Gli artisti si dilettavano nell'interpretazione di scene di harem, donne al bagno, e altre scene di vita quotidiana che permettevano una rappresentazione più libera del corpo e della sensualità.

Le opere erotiche orientaliste, con il loro fascino esotico, erano molto popolari tra il pubblico dell'epoca. Allo stesso tempo, questi dipinti riflettevano spesso stereotipi e fantasie orientaliste, contribuendo a un'immagine romantica e a volte distorta dell'Oriente.

Questa capacità di rappresentare l'erotismo in un modo socialmente accettabile rappresenta un aspetto intrigante dell'arte orientalista. La rappresentazione dell'erotismo nell'arte orientalista rimane un campo di studio affascinante, che offre una prospettiva unica sulle intersezioni tra arte, erotismo e politica culturale.

"Le charmeur de serpents" di Jean-Léon Gérôme

L'Incantatore di Serpenti: Un Capolavoro di Jean-Léon Gérôme

Un esempio emblematico di arte orientalista che merita un'analisi più approfondita è "L'incantatore di serpenti" di Jean-Léon Gérôme. Questo celebre dipinto, realizzato nel 1869, ritrae una scena dominata dalla figura di un incantatore di serpenti, un giovane ragazzino nudo di spalle.

La scena è intrisa di esotismo e mistero, riflettendo l'immaginazione europea dell'Oriente come luogo di meraviglie e pericoli. La figura del ragazzino nudo, pur essendo marginale, introduce un elemento di spontaneità e autenticità alla scena, offrendo uno sguardo inedito sulla vita quotidiana dell'epoca.

Inoltre, la presenza del ragazzino nudo sottolinea la libertà con cui l'arte orientalista poteva rappresentare la nudità e la sensualità. Gérôme, come molti artisti orientalisti, sfruttava queste libertà per creare opere che sfidavano le convenzioni europee dell'epoca.

"Il bagno turco" di Jean Auguste Dominique Ingres (1862)

"Il bagno turco" di Jean Auguste Dominique Ingres (1862)

Il dipinto "Il bagno turco" di Ingres è un'iconica opera orientalista che illustra un harem di donne nude in un bagno turco. Realizzato nel 1862, il dipinto rappresenta l'apice della carriera di Ingres e l'ultimo suo grande nudo. In questo dipinto, Ingres raffigura una scena di rara intimità, portando lo spettatore all'interno di un luogo privato e misterioso.

Il dipinto è celebre per la sua composizione audace e innovativa: Ingres dispone le sue figure in un cerchio, visto da una prospettiva quasi cenitalica, creando un effetto di intimità e continuità. Le donne sono rappresentate in varie pose, ognuna impegnata in un'attività differente: alcune stanno chiacchierando, altre si stanno lavando, una suona uno strumento musicale.

La sensualità pervade l'intero dipinto, con la sua rappresentazione dettagliata di corpi nudi e la delicata interazione tra le figure. Tuttavia, Ingres va oltre la mera rappresentazione dell'erotismo: attraverso la sua meticolosa attenzione per i dettagli e la sua abilità nel rappresentare la luce e la texture, Ingres crea un'opera di grande bellezza e complessità.

"Il bagno turco" è un esempio di come l'arte orientalista abbia permesso agli artisti di esplorare temi di sensualità e desiderio in modi nuovi e audaci, offrendo allo stesso tempo uno sguardo affascinante sull'Oriente come veniva immaginato nel XIX secolo.

Conclusione

La vastità e la durata dell'arte orientalista ne fanno un campo di studio molto ricco. Questo articolo fornisce un'introduzione a questa corrente artistica, sperando di ispirare ulteriori ricerche e apprezzamenti. Gli autori e le opere specifiche, così come l'importante contributo dei fotografi orientalisti, saranno esplorati in futuri articoli.

Leave a comment

INVY ART GALLERY è un progetto CYBERSPAZIO WEB HOSTING
Partita I.V.A. 02131900025 | C.F. MTTMRC55M30L750R | REA VC-181376 | PEC cyberspazio@pec-email.it
© 2024 – ALL RIGHTS RESERVED

error: Content is protected !!